L’organizzazione professionale medica, la Lega svizzera per l’epilessia, ha esaminato il rischio per i malati di epilessia ed emette la seguente notifica: Secondo le attuali conoscenze, non vi è alcun aumento del rischio dovuto all’epilessia. Il Covid-19 è ancora piuttosto nuovo e gran parte di esso non è ancora stato studiato a fondo. Tuttavia, secondo il nostro stato attuale delle conoscenze, non vi è un immediato aumento del pericolo dovuto alla sola epilessia esistente.

Secondo lo stato attuale delle conoscenze, il Covid-19 rappresenta attualmente una particolare minaccia per le persone con malattie polmonari preesistenti, un sistema immunitario indebolito (ad esempio a causa di tumori o dell’AIDS), il diabete o gravi malattie cardiache e renali. Inoltre, gli anziani sono ovviamente più a rischio, i giovani e i bambini meno. Se un malato di epilessia sviluppa  febbre a causa di un’infezione da Covid-19, c’è il rischio – come per qualsiasi malattia febbrile (influenza, infezione delle vie urinarie, ecc.) – di un aumento delle crisi epilettiche (ma non che la malattia di Covid-19 diventi automaticamente più grave).