Gli attac­chi epi­let­ti­ci o le epi­les­sie non pro­vo­ca­no una ridu­zio­ne del­la capa­ci­tà intel­let­ti­va né lesio­ni cere­bra­li. Le epi­les­sie sono tal­vol­ta il sin­to­mo di una lesio­ne cere­bra­le esi­sten­te, che è all’origine degli attac­chi. Gli infor­tu­ni con feri­te alla testa, ictus o tumo­ri rien­tra­no tra le pos­si­bi­li cau­se dell’epilessia.

In casi mol­to rari, le epi­les­sie infan­ti­li gra­vi sono accom­pa­gna­te da una degra­dazio­ne men­ta­le pro­gres­si­va. Ma nel mag­gi­or nume­ro dei casi, si igno­ra fino a che pun­to il dan­no cere­bra­le sia dovu­to all’epilessia.