Assicurazioni

In Svizzera, diverse assicurazioni sociali coprono le persone in caso di malattia o di infortunio. Il sistema di sicurezza sociale viene completato dall’aiuto sociale pubblico: definito anche assistenza, rappresenta l’ultimo elemento della rete di sicurezza per le persone in difficoltà.

Gli attori delle assicurazioni sociali per i genitori dei bambini affetti da epilessia a colpo d’occhio:

Cassa malati (AMAL)

In caso di malattia o maternità, la legge sull’assicurazione contro le malattie (LAMal) copre finanziariamente tutte le classi sociali in Svizzera. Dopo un infortunio, vengono assunte anche le spese mediche dei bambini e degli adulti che non possiedono alcuna assicurazione infortuni.

Per i bambini affetti da un’infermità congenita, l’assicurazione per l’invalidità (AI) si sostituisce invece alla cassa malati (vedere “Assicurazione per l’invalidità”).

In linea di principio, le casse malati rimborsano soltanto i costi, o parte di essi, sostenuti per visite mediche, trattamenti medici e terapie, mentre ogni assicurato deve pagare una quota di tasca sua attraverso l’aliquota percentuale e la franchigia.

Per ciò che riguarda la cassa malati, si distingue tra le prestazioni dell’assicurazione obbligatoria di base (prestazioni LaMal) e quelle delle assicurazioni complementari facoltative (LCA). Nell’ambito della LaMal, le casse devono accettare tutte le persone. Questo obbligo di ammissione non si estende alle assicurazioni complementari volontarie. Le persone affette da epilessia devono prestarvi particolare attenzione.

Non è consigliabile tacere sull’esistenza di un’epilessia in un contratto assicurativo, perché in seguito la compagnia può revocare il contratto in qualsiasi momento, privando improvvisamente la persona interessata della copertura.
In genere, le assicurazioni complementari escludono le malattie e i problemi di salute antecedenti l’inizio del contratto.

Inoltre, le casse malati non si assumono nemmeno i costi di tutti i trattamenti o terapie. In determinati casi, gli assicurati devono letteralmente lottare per ottenere la garanzia di assunzione dei costi. Risulta quindi opportuno chiedere in tempo il sostegno e la consulenza di esperti in assicurazioni sociali, al fine di poter far valere i propri diritti.

Assicurazione per l’invalidità (AI)

Come l’AVS e l’assicurazione malattie, l’assicurazione svizzera per l’invalidità (AI) è un’assicurazione obbligatoria a livello nazionale. Il suo scopo è di garantire mezzi esistenziali agli assicurati nel caso diventino invalidi con provvedimenti d’integrazione o prestazioni pecuniarie.

Le prestazioni comprendono:

  • misure mediche
  • misure professionali
  • mezzi ausiliari
  • assegno per grandi invalidi
  • supplemento per cure intensive
  • contributi per l’assistenza
  • indennità giornaliere
  • rendite.

Probleme con gli uffici AI

Gli adulti affetti da epilessia e anche i genitori dei bambini affetti da epilessia riferiscono continuamente di dover intraprendere una lotta estenuante con gli uffici AI per ottenere la garanzia di assunzione dei costi per le prestazioni. L’assicurazione per l’invalidità è sottoposta a un’enorme pressione al risparmio, il che si ripercuote chiaramente sui beneficiari delle prestazioni. Chi ha bisogno di aiuto nell’ambito del suo rapporto con l’AI, farebbe bene a ricorrere al più presto a uno specialista in assicurazioni sociali.

Epi-Suisse mette in contatto con gli esperti o sostiene direttamente le persone affette da epilessia attraverso la consulenza sociale.

Prestazioni complementari (PC)

Chi non riesce a farcela malgrado le prestazioni dell’AVS/AI, ha diritto a prestazioni complementari. Queste fanno parte dell’aiuto sociale e vengono versate direttamente dai comuni. I diritti alle prestazioni complementari devono essere segnalate al servizio sociale del comune di residenza.