Home|Attualità|COVID-19
COVID-192020-06-17T16:15:16+02:00

Coronavirus ed epilessia

Attualmente riceviamo molte richieste da parte di pazienti e genitori di bambini affetti da epilessia. Abbiamo raccolto qui una serie di domande importanti. Potete inviarci le vostre domande (qui nella pagina dei contatti).

Per problemi specifici, il nostro servizio di consulenza sociale è sempre a vostra disposizione.

Le informazioni dell’UFSP sono disponibili anche in lingua facile e nella lingua dei segni.

Come posso trovare sostegno nella vita di tutti i giorni?2020-04-24T09:41:52+02:00

Ci sono attualmente varie offerte da parte di persone, enti e associazioni che offrono il loro aiuto e solidarietà. Potete trovare supporto nella vostra regione chiamando il vostro municipio. Di seguito un link a un articolo delle RSI che riassume paese per paese i vari aiuti:

https://www.rsi.ch/news/ticino-e-grigioni-e-insubria/Una-guida-alle-iniziative-di-solidarietà-12834304.html

Si prega di controllare il sito web del vostro comune o di chiamare direttamente. I comuni tengono anche elenchi di persone che possono fare shopping, per esempio.

Come posso prendermi cura della mia salute mentale?2020-04-24T09:51:17+02:00

Siete invitati a contattare il nostro servizio di consulenza sociale se avete preoccupazioni e timori riguardo alla situazione attuale.

Il Canton Ticino ha istituito una Hotline Coronavirus per il supporto psicologico alla popolazione. Potete contattare il numero: 0800 144 144

Altre informazioni ai link :

https://www4.ti.ch/dss/dsp/covid19/home/

https://www4.ti.ch/fileadmin/DSS/DSP/UMC/malattie_infettive/Coronavirus/Vademecum_Covid19.pdf

Come posso trovare gruppi di auto-aiuto?2020-04-24T09:57:50+02:00

Non esitate a contattarci.

Possiamo organizzare un incontro con il gruppo di auto-aiuto in Ticino appena la situazione di emergenza lo consentirà.

Info generali su auto-aiuto in Ticino:

http://www.autoaiuto.ch

Che tipo di misure riguardano l’AI?2020-04-24T09:59:16+02:00

La Confederazione ha adottato diverse misure per quanto riguarda l’AI. Particolarmente importante è la sospensione dei termini fino al 19.4.20 (stato: 8.4.20) nonché il regolamento relativo al contributo di assistenza e all’indennità di terapia intensiva. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito di Procap Svizzera. Maggiori dettagli sulle singole misure della Confederazione sono disponibili sul sito dell’UFAS.

Anche lo stipendio degli assistenti deve essere pagato in caso di rinuncia all’assistenza?2020-04-24T10:01:50+02:00

Se una persona che riceve assistenza è malata o rinuncia al lavoro degli assistenti per proteggersi dalla malattia COVID-19, deve continuare a pagare il salario degli assistenti. L’AI riconoscerà tale obbligo di continuare a pagare il salario ai sensi dell’articolo 39 paragrafo 2 IVV fino a nuovo avviso. In questi casi non è richiesto alcun certificato medico. Si deve verificare se una parte del lavoro può ancora essere svolta, ad esempio se un assistente può continuare a fare l’amministrazione o gli acquisti.

Questi versamenti di stipendio continuativi sono pagati dall’AI durante la situazione straordinaria e non sono accreditati al contributo annuale di assistenza.

Lavoro a breve termine per gli assistenti2020-04-24T10:02:22+02:00

I beneficiari dell’assistenza non hanno diritto a un’indennità di lavoro a tempo parziale.

Le persone affette da epilessia appartengono al gruppo a rischio di COVID-19?2020-04-24T10:05:48+02:00

L’organizzazione professionale medica, la Lega svizzera per l’epilessia, ha esaminato il rischio per i malati di epilessia ed emette la seguente notifica: Secondo le attuali conoscenze, non vi è alcun aumento del rischio dovuto all’epilessia. Il Covid-19 è ancora piuttosto nuovo e gran parte di esso non è ancora stato studiato a fondo. Tuttavia, secondo il nostro stato attuale delle conoscenze, non vi è un immediato aumento del pericolo dovuto alla sola epilessia esistente.

Secondo lo stato attuale delle conoscenze, il Covid-19 rappresenta attualmente una particolare minaccia per le persone con malattie polmonari preesistenti, un sistema immunitario indebolito (ad esempio a causa di tumori o dell’AIDS), il diabete o gravi malattie cardiache e renali. Inoltre, gli anziani sono ovviamente più a rischio, i giovani e i bambini meno. Se un malato di epilessia sviluppa  febbre a causa di un’infezione da Covid-19, c’è il rischio – come per qualsiasi malattia febbrile (influenza, infezione delle vie urinarie, ecc.) – di un aumento delle crisi epilettiche (ma non che la malattia di Covid-19 diventi automaticamente più grave).

Come posso proteggere me stesso e gli altri?2020-04-24T10:07:48+02:00

Le consuete regole precauzionali dell’UFSP valgono per tutti. Questi sono:

  • Mantenere una distanza minima di 2 m dalle altre persone
  • Lavarsi le mani frequentemente e accuratamente
  • Nessuna stretta di mano
  • Tosse e starnuti nell’incavo del braccio
  • stare a casa il più possibile (“distanziamento sociale”)

Informazioni aggiornate sono disponibili sul sito web dell’UFSP.

Oppure al seguente link:

https://www4.ti.ch/dss/dsp/covid19/home/

Ci sono rischi di penuria nella fornitura di farmaci antiepilettici?2020-04-24T10:08:56+02:00

Poiché molti farmaci sono prodotti in Cina o i principi attivi sono forniti da lì, molte persone temono che ci possa essere carenza di farmaci antiepilettici. Già da tempo abbiamo avvertito tali carenze e pertanto, in generale, consigliamo di tenere un rifornimento personale. A quanto ci risulta, tuttavia, non vi è alcun pericolo di problemi acuti di approvvigionamento per la maggior parte dei farmaci per l’epilessia a causa della situazione attuale.

La Lega per l’Epilessia fornisce informazioni sul pericolo della carenza di farmaci.

Mi occupo di una persona del gruppo a rischio. Come proteggo me stesso e lei?2020-06-22T14:23:54+02:00

L’UFSP raccomanda quanto segue:

  • Seguire le regole di condotta e di igiene.
  • Se possibile, rimanete a casa se vivete nella stessa casa della persona assistita.
  • Se non vivete insieme alla persona di cui vi occupate: Ridurre al minimo i contatti per ridurre la probabilità di trasmissione del nuovo coronavirus.
  • Fate sapere al vostro entourage di cosa avete bisogno e accettate l’aiuto. O contattare organizzazioni come Spitex.
  • Parlate con altre persone delle vostre esperienze, pensieri e sentimenti – con la vostra famiglia, amici o conoscenti o anche con specialisti.
  • Preparatevi al caso in cui voi stessi vi ammalaste: Stabilite – se possibile insieme alla persona che state curando – un sostituto. Se possibile, scrivete insieme ciò che è importante, in modo che tutto sia rapidamente disponibile in caso di malattia. Pro Aidants ha preparato un “Piano B”.

L’UFSP ha inoltre pubblicato un opuscolo. Questo vi dice cosa dovreste tenere a mente nella vostra vita quotidiana e quando si verificano i sintomi.

Quali sono le interazioni tra i farmaci antiepilettici e i farmaci COVID-19?2020-07-07T17:03:16+02:00

Il Liverpool Drug Interaction Group, in collaborazione con l’Ospedale Universitario di Basilea e Radboud UMC (Paesi Bassi), sta studiando le interazioni di potenziali farmaci antiepilettici contro COVID-19 e altri farmaci. Potete trovare le informazioni più recenti al seguente link:

https://www.covid19-druginteractions.org/checker

La tabella adattata con riferimento ai farmaci antiepilettici si trova qui.

Come persona affetta da epilessia, posso e devo indossare una maschera facciale?2020-07-28T10:50:47+02:00

L’uso di una maschera facciale dovrebbe essere chiarito in ogni singolo caso. Se l’epilessia è ben regolata, si possono indossare delle maschere. Se ci sono buone ragioni per non indossare maschere, è meglio discuterne con il vostro operatore sanitario. Possono anche fornirvi un certificato medico che vi esonera dall’obbligo di indossare una maschera. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web della Lega contro l’Epilessia (in francese o tedesco).

Go to Top